TAG



Clicca sul
DIVANETTO D'ORO
per scoprire come vincere questo simpatico premio!
PALMARÈS:

Babol
Gioia
Irene



Per info o collaborazioni:
sofasophia.blog@gmail.com

Cookie's Policy

Powered by Blogger.

Raccontami di un giorno perfetto

RACCONTAMI DI UN GIORNO PERFETTO - JENNIFER NIVEN
DeA
È una gelida mattina di gennaio quella in cui Theodore Finch decide di salire sulla torre campanaria della scuola per capire come ci si sente a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione a sei piani d’altezza. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due anime fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi provano per la prima volta la vertigine che li legherà nei mesi successivi. I giorni, le settimane in cui un progetto scolastico li porterà alla scoperta dei luoghi più bizzarri e sconosciuti del loro Paese e l’amicizia si trasformerà in un amore travolgente, una drammatica corsa contro il tempo. E alla fine di questa corsa, a rimanere indelebile nella memoria sarà l’incanto di una storia d’amore tra due ragazzi che stanno per diventare adulti. Quel genere d’incanto che solo le giornate perfette sono capaci di regalare.

RATING:

Che io ami le storie tristi e che prevedano la morte di un protagonista lo abbiamo appurato già da un po’.  Ciò che va aggiunto è che c’è storia e storia. Non posso accontentarmi “solo” di una storia triste e della morte di un protagonista.
Sì, lo so che non mi va mai bene nulla ma che ci posso fare se ho dei gusti difficili?
“Raccontami di un giorno perfetto” di Jennifer Niven su carta aveva tutte le caratteristiche per essere un libro che avrei potuto apprezzare, però come avrete ben capito, c’è un “ma”.
Questa “ma” è grande come una casa e mi dispiace anche un po’ motivarlo, perché le intenzioni della Niven erano ottime, ma un tema come il suicidio in età adolescenziale forse andrebbe trattato con più intensità e approfondimento psicologico altrimenti sarebbe meglio lasciar perdere. Mi sento in colpa a recensire negativamente questo libro perché leggendo i “ringraziamenti” epilogativi si evincono le esperienze dolorose che hanno portato l’autrice a prendere carta e penna. Personalmente ho trovato molto più emozionanti quella manciata di pagine del romanzo intero, perché si percepivano sensazioni autentiche, il dolore della perdita e il tormento di chi rimane. Forse è proprio questo il nocciolo della questione, se avesse scritto un romanzo sul suicidio visto dagli occhi di chi rimane e ignora i meccanismi che hanno spinto la persona cara ad un gesto così estremo forse il risultato sarebbe stato migliore.
Ci troviamo, invece, nei panni di due giovani liceali sconosciuti tra loro che, in puro stile Nick Hornby, si ritrovano sul tetto dell’edificio scolastico pronti a saltar giù ma la cui reciproca presenza li fa desistere dal compiere il gesto insano. Fino qui tutto bene, il prosieguo, invece, lascia molto a desiderare. Tralasciando il PoV alternato che, come ho già detto in più occasioni, non amo molto, ciò che deturpa il testo è l’assenza della caratterizzazione dei personaggi che risultano sconosciuti al lettore fino all’ultima pagina. Ritengo che l’impronta psicologica di un personaggio sia imprescindibile per rendere il rapporto lettore-protagonista epidermico, qua invece abbiamo due protagonisti, Theodore e Violet, che agiscono solo per la chiara volontà dell’autrice di indirizzarli in un modo piuttosto che in un altro. La narrazione scorre veloce e leggera anche quando si toccano argomenti delicati, sembra quasi come se si avesse paura di affrontare questa tematica, e la si aggiri semplicemente. Posso capire che possa essere una scelta quella di essere delicati nell’approcciarsi al tema della morte autoinflitta, considerando anche il target a cui è rivolto questo libro, ma andandolo solo ad accarezzare si rischia di svilirne la drammaticità.
Concretamente questa narrazione non ci dice nulla, ci racconta di una storia d’amore adolescenziale farcita di gesti e parole canoniche su cui fiata l’indomabile Thanatos, sia attraverso esperienze passate, l’incidente automobilistico in cui ha perso la vita la sorella di Violet, diventato oramai un clichè della letteratura YA, che per i tormenti presenti dei due ragazzi, la depressione che ha colpito entrambi, nonostante li porti a considerare l’opzione del suicidio, è comunque impalpabile e poco definita. Niente da dire sullo stile narrativo, il libro si legge bene e in fretta ma giunti al termine lascia l’amaro in bocca, non per il tragico finale ma per il percorso che ha portato a questa fine. Non ci si può commuovere solo perché uno dei protagonisti si è tolto la vita, a mio avviso sarebbe stato più commovente una narrazione più incentrata sul tormento e la confusione mentale senza dover giungere necessariamente all’esplicitazione del gesto disperato, anche solo un accenno o un finale aperto avrebbe smosso di più gli animi dei lettori, o per lo meno la mia.



A voi è piaciuto, invece, questo romanzo? Mi consigliate un altro libro sulla stessa tematica, ma più intenso? Ditemi tutto con un commento qui sotto!

                                                                               
                                                     

6 commenti:

  1. Ciao Sophia grazie per essere passata al Rifugio per gli auguri per i 500 follower raggiunti grazie al tuo arrivo. Un giorno perfetto ?
    Ma davvero può esistere un giorno perfetto ?! Io credo di no .... credo che ci siano dei giorni che noi crediamo siano perfetti .... che riescono ad assomigliare molto ad un giorno perfetto. Ma non credo che possa esistere un vero giorno perfetto !
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con te! La perfezione è un concetto talmente relativo ed utopistico che è quasi assurdo pensare di perseguirla. Buona domenica anche a te mia cara Arwen! :)

      Elimina
  2. A me invece è piaciuto molto; strano, perché gli YA che mi sono realmente piaciuti si contano sulle punte delle dita. Penso che in questo caso, data anche l'esperienza autobiografica, l'autrice abbia preferito concentrarsi sugli stati d'animo dei protagonisti, tuttavia ho percepito abbastanza chiaramente il carattere di ciascun personaggio.
    Per quanto riguarda il giorno perfetto, secondo me esiste, con le sue imperfezioni però!
    Buone letture!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì concordo anche per me sono rari gli YA che mi hanno davvero lasciato il segno. Questo, però, decisamente no. Secondo me gli stati d'animo dei protagonisti non sono stati sviscerati come avrebbero dovuto. È vero che lei ha avuto delle esperienze personali legate al mondo della depressione e del suicidio, ma sempre dal punto di vista esterno, non so se il motivo sia questo comunque, secondo me, le dinamiche interne a questo stato d'animo sono state descritte e contestualizzate un po' superficialmente. Forse sono io che mi aspetto troppo, in fondo è uno YA e non un romanzo psicologico, però se l'intera narrazione fosse stata anche solo fissa sul PoV di Violet forse il risultato, a mio parere, sarebbe stato migliore. I tormenti di Finch non sono molto chiari e questo è un punto a sfavore se pensi che la narrazione è interna. Non so a me non convince, però d'altra parte.. de gustibus! :)

      Elimina
  3. non lo conosco la trama non sembra brutta, se però dici che lascia con l'amaro in bocca allora non è una bella cosa, detesto i libri così.
    Ti consiglio un libro che a me ha conquistata Io prima di te di Jojo Moyes con tematiche forti e delicate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In internet i pareri su questo libro sono contrastanti, ad alcuni, infatti, ha emozionato molto. Se ti ispira, quindi, magari una chance dagliela, potrebbe stupirti! :)
      Grazie per il consiglio! :)

      Elimina